«

»

gen 17

M42 & NGC1975 – Riduzione del rumore

Riduzione del rumore

Dopo l’elaborazione multilayer (parte 1 e parte 2) possiamo passare alla fase finale dell’elaborazione, ovvero la riduzione del rumore, ahimè sempre presente…

Questa è l’immagine di partenza da cui estrarremo la luminanza da usare come maschera per i prossimi passaggi:
Orion Sword after Multilayer Processing

Estraiamo la luminanza e clippiamo le alte luci e basse luci con il tool HistogramTransformation:

Mask for noise reduction

Applichiamo la maschera ed invertiamola:

Luminance Mask for Noise Reduction applied

Per la riduzione del rumore abbiamo a disposizione numerosi tools in Pixinsight (tra l’altro nella versione attuale, la 1.8 è stato inserito il nuovo tool TGVDenoise, che però non vedremo in questo esempio).

Applichiamo il tool ACDNR, impostando una Standard Deviation per il canale Chrominance di 4.0 e per il canale Luminance di 2.0. Sono dei valori tipici che con ACDNR vanno sempre abbastanza bene. Il risultato è mostrato nell’immagine qui sotto:

Orion Sword ACDNR

 

Qui sotto il confronto ad ingrandimento maggiore tra il prima ed il dopo l’applicazione del tool ACDNR: possiamo vedere come la maschera di luminanza (invertita) abbia preservato le zone più luminose dall’applicazione del tool, mentre nelle zone più deboli si nota l’effetto della riduzione del rumore.Orion Sword ACDNR Comparison

Possiamo andare più a fondo con la riduzione del rumore applicando anche il tool MultiscaleMedianTransform, sempre con la maschera di luminanza (invertita):

Orion Sword MultiscaleMedianTransform for Noise Reduction

L’effetto è quello mostrato qui sotto:

Image74

Come sempre con i tools di denoise bisogna stare attenti a non esagerare, cercando di applicarli ai minimi livelli possibile. Sono processi iterativi, da fare su una preview e non su tutta l’immagine per velocizzare i calcoli, che richiedono tempo e pazienza…ma del resto questo vale un po’ per tutto quello che concerne l’astrofotografia :-).

Il risultato ottenuto è quello di un’immagine sicuramente con meno rumore, ma al prezzo di una piccola perdita di dettagli sulla nebulosità diffusa.

Quando siamo soddisfatti del risultato del denoise possiamo aggiustare l’istogramma con il tool HistogramTransformation tagliando leggermente le basse luci e allineando i tre canali R, G e B:

Orion Sword HTTransformation

Orion Sword HT final

Correzioni finali

L’elaborazione vista finora (multilayer) porta all’ottenimento di immagini che possono risultare abbastanza “scure” e che quindi necessitano di essere ravvivate un po’…

Per questo motivo come tocco finale si può applicare il tool CurvesTransformation andando a creare una curva ad “S” per aumentare il contrasto ed accendere un po’ l’immagine, come possiamo vedere qui sotto:

Orion Sword CurvesTransformation Final

Siamo quindi giunti alla fine, ed il risultato di tutta questa elaborazione è il seguente:

M42 NGC1975

Come al solito, tutto quello che è stato mostrato in queste pagine è frutto esclusivo di sperimentazione ed è quindi solo uno dei 100 modi possibili per elaborare con Pixinsight.

Gli altri 99 per il momento non li ho ancora sperimentati ma so già che porteranno ad un risultato migliore di questo, come è prevedibile quando si ha a disposizione un software così eccellente come Pixinsight :-)

Cieli Sereni,

Emanuele Todini.

Stelleelettroniche.it

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>